Rapporto tra Datore di Lavoro e Medico Competente

Il rapporto tra Datore di Lavoro e Medico Competente è fondamentale nel garantire un ambiente di lavoro sicuro per tutti i dipendenti. Il primo deve garantire un ambiente sicuro, mentre il medico deve provvedere alla corretta gestione della sorveglianza sanitaria.

Il Datore di Lavoro è responsabile, tra l’altro, della redazione del DVR, Documento di Valutazione dei Rischi. In questo sono descritti i rischi relativi all’ambiente di lavoro tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo:

  • Chimici
  • Biologici
  • Ergonomici
  • Psicosociali

Il medico competente, invece, prepara il Protocollo Sanitario, che è l’insieme delle procedure mediche basate sui rischi individuati nel DVR. Include:

  • Esami clinici e biologici
  • Indagini diagnostiche

Il rapporto tra DVR e Protocollo è quindi molto stretto ed è importante che entrambi i documenti siano costantemente monitorati e aggiornati. I rischi di un’organizzazione possono infatti variare nel tempo, a causa di cambiamenti nel ciclo produttivo, dell’organizzazione del lavoro o per via dell’introduzione di nuove attrezzature; tutto questo deve essere indicato nel Documento di Valutazione dei Rischi e, di conseguenza, deve ripercuotersi sul protocollo sanitario. Tutto questo richiede una comunicazione costante tra medico competente e datore di lavoro, per garantire che le misure di prevenzione e protezione siano sempre adeguate e che i lavoratori siano sottoposti alla sorveglianza sanitaria appropriata.

Medico Competente Coordinatore e Coordinato

In aziende di grandi dimensioni, multisito o con necessità organizzative particolari, possono emergere le figure di Medico Compente Coordinatore e Medico Competente Coordinato. Queste figure, sebbene possano sembrare simili, presentano differenze significative.

Il coordinatore ha la responsabilità di sovrintendere e coordinare tutta l’attività relativa alla sorveglianza sanitaria. Il ruolo prevede un livello di gestione superiore e supervisione, inclusi:

  • Definizione delle linee guida generali del Protocollo Sanitario e verifica della corretta applicazione
  • Controllare che i Medici Competenti Coordinati operino in modo uniforme e conforme alle normative vigenti
  • Comunica con il Datore di Lavoro e gli altri responsabili della sicurezza, fornendo indicazioni e supporto per la gestione dei rischi sanitari

Il coordinato, invece, ha un ruolo principalmente esecutivo. Deve:

  • Eseguire visite mediche, monitoraggi periodici ed esami diagnostici
  • Occuparsi del rapporto diretto con i lavoratori, segnalando anomalie e necessità di intervento.

Il coordinato ha un certo grado di autonomia nel suo operato (egli può, ad esempio, modificare il protocollo sanitario), ma deve sempre far riferimento al coordinatore e seguire le sue linee guida.

È necessario considerare sempre la medicina del lavoro come parte integrante della sicurezza in azienda. Solo attraverso una stretta collaborazione e una comunicazione trasparente tra Datore di Lavoro, Medici Competenti, RSPP, Lavoratori e Rappresentanti. La creazione di una sinergia efficace fa in modo che si ottengano risultati concreti nella prevenzione di infortuni e malattie professionali.